Newsletter per gestori di rete e auditori accreditati – Pronovo AG
Newsletter per gestori di rete e auditori accreditati

Newsletter per gestori di rete e auditori accreditati

Gentili signore, egregi signori,

siamo lieti di informarvi sulle tematiche attuali negli ambiti del sistema di rimunerazione per l’immissione in rete di energia (SRI), della rimunerazione unica (RU) e delle garanzie di origine (GO):

  1. Moduli aggiornati, validi dal 1° gennaio 2018
  2. Mappa della rete necessaria per più progetti con lo stesso numero di fondo
  3. Installazione obbligatoria di un sistema Smart Meter da gennaio 2018
  4. Etichettatura dell’elettricità

1. Moduli aggiornati, validi dal 1° gennaio 2018

Dal 1° gennaio 2018 i moduli aggiornati sono disponibili sulla nostra pagina web Pronovo in Moduli e documenti. Vi preghiamo di utilizzare da subito i nuovi moduli. Accetteremo i vecchi moduli ancora fino a fine maggio 2018.

I moduli di certificazione sono tuttora divisi per tecnologie. Sono ancora a disposizione anche il modulo di certificazione abbreviato per la modifica della disposizione delle misure e il modulo «Certificazione ampliamenti fotovoltaico».

Per la notifica corretta dei dati di produzione vi preghiamo di registrare le informazioni in modo esatto e completo, in particolare al punto 6 «Assegnazione della designazione del punto di misurazione per i numeri del contatore». Il sistema Pronovo acquisisce dalla certificazione informazioni quali le designazioni dei punti di misurazione e il tipo di misurazione, MCC/SMCC, la fornitura automatica dei dati o la periodicità. Si richiede agli auditori di allegare al modulo di certificazione la corrispondenza intercorsa con i gestori di rete riguardo alla misurazione e al tipo di misurazione.

Se su un impianto si procede a una variazione della disposizione delle misure, a Pronovo deve essere rimesso il modulo «Certificazione della modifica della disposizione delle misure». Questo modulo è soggetto alle stesse condizioni del modulo di certificazione ordinario. Per impianti che non sono giuridicamente disgiunti dal gestore di rete e/o >30 kVA, il modulo «Certificazione della modifica della disposizione delle misure» deve essere certificato da un auditore.

Se, tuttavia, in quanto gestori di rete cambiate solo il numero del punto di misurazione senza apportare modifiche all’iter di misurazione dell’impianto, sarà sufficiente inviare un’e-mail a info@pronovo.ch, in cui sia riportata la modifica (designazioni dei punti di misurazione vecchie e nuove e data (mese) di inizio validità dei nuovi punti di misurazione).

Accumulatori:

Se nello stesso punto di immissione dell’impianto viene gestita un’installazione per lo stoccaggio di elettricità (ad es. accumulatore) e Pronovo è già in possesso di una certificazione, non occorre redigere una nuova certificazione. Il modulo «Certificazione della modifica della disposizione delle misure» è sufficiente – importante in questo caso è il punto 3 «Utilizzo di un accumulatore».

Si ricorda che dal punto di vista tecnico occorre garantire che solo l’energia prodotta con il proprio impianto sia impiegata per l’emissione di GO e RIC (si escludono eventuali abusi).

Per ulteriori dettagli sull’impiego di un accumulatore si possono consultare le linee guida per la certificazione.

 

2. Mappa della rete necessaria per più progetti con lo stesso numero di fondo

Un impianto può approfittare di un’incentivazione una sola volta e non sono ammesse le cosiddette richieste doppie. Per escludere un tale caso, si prega di prestare attenzione a quanto segue: se si certificano più impianti che si trovano sullo stesso fondo e quindi hanno lo stesso numero di fondo, allegare una mappa della rete. Sulla mappa della rete i punti di immissione devono essere chiaramente visibili. Senza la mappa della rete non possiamo procedere con l’elaborazione delle certificazioni, che verranno restituite al mittente.

 

3. Installazione obbligatoria di un sistema Smart Meter da gennaio 2018

Nel corso della verifica dei moduli di certificazione, ci siamo accorti che non tutti gli impianti con data di messa in servizio nell’anno 2018 sono dotati di un sistema Smart Meter. In questa sede vorremmo ricordarvi che da gennaio 2018, in conformità con l’art. 8a dell’Ordinanza sull’approvvigionamento elettrico (OAEl) esiste l’obbligo di installare un sistema Smart Meter per i nuovi impianti che sono entrati in servizio a partire dal 01.01.2018.

Sulla base della disposizione transitoria di cui all’art. 31e dell’OAEI, i gestori di rete possono installare i loro «vecchi» sistemi di misurazione fino al 31.12.2018. Le esatte disposizioni esecutive si possono consultare nell’articolo di cui sopra.

La preghiamo di prendere nota all’ punto 4 dei FAQ della ElCom, qui.

 

4. Etichettatura dell’elettricità

Anche le modifiche dell’etichettatura dell’elettricità sono collegate con le novità legislative entrate in vigore nel gennaio 2018. Le novità valgono a partire dall’anno di consegna 2018.

L’etichettatura dell’elettricità per l’anno di consegna 2017, che attualmente può essere registrata nel sistema delle garanzie di origine, è ancora soggetta ai regolamenti attuali.

Desideriamo informarvi sui punti principali delle novità legislative:

per tutta l’energia fornita ai clienti finali è necessario creare un’etichettatura della corrente, che ora si basa solo sulle garanzie di origine (GO). Questo significa che i fornitori di corrente devono provvedere GO per l’intera quantità. Nell’etichettatura della corrente non è più ammessa l’indicazione di «vettori energetici non omologabili». Sono esclusi solo i contratti di fornitura di corrente per clienti non vincolati fino all’anno di consegna 2020, che sono stati stipulati prima dell’1 novembre 2017.

Le certificazioni con priorità secondaria, basate ad esempio sulle autodichiarazioni o su contratti con produttori indipendenti, non si possono più utilizzare per l’etichettatura della corrente.

Siete pregati di presentarci eventuali certificazioni e ordini permanenti per quegli impianti di produzione per i quali fino ad ora non è stata emessa alcuna GO. Se desiderate utilizzare l’elettricità prodotta nella vostra etichettatura dell’elettricità, per questi impianti è necessario emettere una GO e trasferirla sul vostro conto di fornitori di corrente. Un’emissione a posteriori della GO non è ammessa.