Ampliamento

Con una rimunerazione unica è possibile incentivare non solo i nuovi impianti, ma anche importanti ampliamenti o rinnovi di impianti fotovoltaici. Un ampliamento o un rinnovo dell’impianto è considerato importante se grazie all’ampliamento o al rinnovo la potenza aumenta di almeno 2 kWp. Si considerano ampliamenti i campi fotovoltaici aggiuntivi posizionati prima del medesimo nodo di immissione della rete dell’impianto esistente.

Per gli ampliamenti viene corrisposto solamente un contributo per potenza pari all’aumento di potenza. Non sarà più versato alcun contributo di base.

Dall’aprile 2019, il periodo di carenza, precedentemente introdotto nel gennaio 2018, non è più applicabile. Nel periodo da gennaio 2018 a fine marzo 2019 non sono stati concessi gli ampliamenti di impianti fotovoltaici per un periodo di attesa di 15 anni. Con la revisione dell’OPEn dell`1° aprile 2019 è stato annullato il periodo di carenza di 15 anni. Pertanto, tutti gli impianti che sono stati ampliati dopo il 1° gennaio 2018 hanno diritto alla rimunerazione per l’ampliamento con il contributo di potenza (senza contributo di base).

Nota importante: per gli impianti per i quali già prima dell’1° gennaio 2018 è stata richiesta o corrisposta una rimunerazione unica ai sensi della normativa allora in vigore e che, sempre prima dell’1° gennaio 2018, sono stati ampliati a oltre 30 kWp, non sussiste per questa potenza aggiuntiva il diritto a una RU (art. 104 cpv. 1 OPEn).

Per impianti fotovoltaici con una capacità di impianto fino a 50 MW, comprese tutte le estensioni, viene corrisposto una rimunerazione unica.

Rimunerazione unica per piccoli impianti fotovoltaici (fino a 100 kWp; RUP)

Per un ampliamento con una potenza di almeno 2 kWp e meno di 100 kWp la rimunerazione unica può essere richiesta una volta l’impianto entra in servizio. La posizione in lista d’attesa è determinata dalla data di ricezione presso Pronovo della notifica completa di messa in esercizio di questo ampliamento.

Entro fine 2020 si prevede che la RUP sarà versata a tutti i gestori impianti che hanno presentato una domanda completa entro il 31 gennaio 2020.

La rimunerazione unica per impianti fotovoltaici sarà versata ai gestori di impianti che hanno presentato una domanda completa a partire dal 1° febbraio 2020 entro 12 mesi a contare dalla presentazione della domanda completa.

Devono essere trasmessi a Pronovo i seguenti documenti:

Per questi documenti si applicano gli stessi requisiti vigenti per la prima notifica per la rimunerazione unica.

Rimunerazione unica per grandi impianti fotovoltaici (a partire da 100 kWp; RUG)

Per i nuovi impianti o gli ampliamenti con una potenza a partire da 100 kW è possibile presentare una richiesta di rimunerazione unica già prima dell’entrata in servizio. La posizione in lista d’attesa è determinata dalla data di presentazione completa della domanda a Pronovo

Entro fine 2020 si prevede che tutti i gestori di impianti che presentano una domanda completa entro il 31 gennaio 2020 riceveranno una garanzia di versamento RUG

Qualora un progetto che si trovi già in lista d’attesa per una RUG debba essere ampliato, oppure in caso di variazione della potenza prevista, Pronovo deve essere immediatamente avvisata. A seguito di questa comunicazione si effettuerà un adeguamento della potenza prevista, il che sarà determinante per fissare l’importo massimo.

Se il progetto possiede i requisiti per essere preso in considerazione, in linea di principio la rimunerazione unica viene concessa e si procede a determinare l’importo massimo sulla base dei dati (modificati) della richiesta. A partire dal momento dell’assicurazione decorre un periodo di 12 mesi per l’entrata in servizio.

Gli impianti grandi fotovoltaici, sono remunerati con la tariffa di rimunerazione per impianti annessi / isolati, indipendentemente dalla categoria dell’impianto.

Entro tre mesi dall’entrata in servizio dell’ampliamento, devono essere trasmessi a Pronovo i seguenti documenti:

Per questi documenti valgono gli stessi requisiti previsti per la domanda iniziale per la rimunerazione unico.